Archivio mensile:novembre 2013

A Gerola alta un primo battesimo per “le vie dei Principi delle Orobie”

(25.11.13) Ieri a Gerola si è celebrato il primo battesimo del progetto “Le vie dei Principi
delle Orobie”. L’evento di ieri segna un salto di qualità per i Principi delle Orobie,
l’alleanza dei formaggi storici delle Orobie occidentali. Si allarga e si consolida il
novero dei soggetti che di identificano nel progetto e si è pronti per cogliere
l’occasione Expo 2015 per fare delle Orobie un territorio conosciuto in tutto il mondo
grazie ai suoi formaggi storici (i “Principi”).

Principi_Pres1

Rappresentati delle condotte lombarde di Slow Food e fedeli e appassionati sostenitori del Bitto storico sono arrivati da tutta la Valtellina, dalla Brianza, da Lecco, dalla Val Varrone, da Bergamo, da Varese. C’erano anche i Principi fratelli venuti dall’alta Valbrembana, da Taleggio, dalla Valle Imagna. La proposta ecoturistica delle “Vie dei Principi” si basa su un’offerte turistica differenziate (visite accompagnate, pacchetti, supporti alla fruizione “libera”) che presuppone una stretta collaborazione intervalliva e tra operatori di diverse categorie.
Si tratta di offrire supporti informativi, servizi di navetta, di accompagnamento, di
prenotazione efficienti. Una bella sfida, ma anche un’occasione per fare un salto di
qualità. Un’occasione, per esempio, per imparare a coordinarsi, a non organizzare
eventi in contemporanea, a ribaltare concorrenzialità sterili in
complementarietà. Occorrerà molta formazione, molta professionalità, ma anche
tanta disponibilità a lavorare insieme, a partecipare, a proporre.

leggi tutto su Ruralpini

Nuovo documento di Valtellina nel futuro

da “Valtellina nel futuro” un nuovo contributo sul dibattito politico-istituzionale in cui le Terre Alte non voglione essere solo recettore passivo di scelte assunte altrove ma soggetto attivo.

La montagna e la Regione Lombardia

Documento dei Movimenti civici per l’Autonomia alpina di Valtellina, Valcamonica e Valli Bergamasche (elaborato nell’ agosto 2013)

Eventi a Sondrio

per le notizie precedenti vai a Archivio notizie

Con Latouche per la frugalità felice

Le Terre Alte dentro la modernità consumistica sono state marginalizzate ora la crisi costringe a recuperare in nuove prospettive quelli che valori prezioni delle comunità di montagna

Mercoledì 4 dicembre a Sondrio ore 20,45 al Centro polifunzionale Policampus di Sondrio, Via Tirano Incontro con Serge Latouche. Organizza l’associazione Valtellina nel futuro aderente a Forum Terre Alte.

Serge Latouche (Vannes 1940), professor emeritus di economia all’Università di Paris Sud-Orsay, si dichiara da tempo un obiettore di crescita. Ed è proprio sul concetto di decrescita che basa la sua riflessione sui modi per uscire dal devastante sviluppismo imposto dall’Occidente a se stesso e al resto del mondo.
In Italia sono stati pubblicati molti dei suoi scritti, tra cui Il pianeta dei naufraghi La megamacchina, L’economia svelata, Giustizia senza limiti, La scommessa della decrescita, Economia e decrescita, L’invenzione dell’economia.

Serge Latouche

Giovedì 5 dicembre a Sondrio alle ore 9,00 presso Sala Maganetti, c/o BIM di Sondrio, Via Lungo Mallero Diaz. Sessione autunnale 2013 del Forum Terre Alte. Il seminario è aperto a singoli e associazioni che si pongono l’esigenza di recuperare capacità di autogoverno dei territori montani per non subire le varie crisi della contemporaneità (organizza segreteria Forum Terre Alte)  seguirà alle 11,30 la presentazione da parte di  Giorgio Alifredi, presidente dell’ass. Alte Terre delle valli cuneesi del libro “RIMANGO in Valle Maira. Prospettive di vita in una terra rude” Un libro fotografico di Jorg Waste con 121 fotografie in bianco e nero testi di Giorgio Alifredi e prefazione di Werner Batzing (organizza ass. Amamont).

Il programma Forum Alte Terre – Sessione “Sondrio 2” Autunno 2013

Serge Latouche – Intervento di saluto

Robi Ronza – Gli obiettivi del Forum Alte Terre

Sergio De La Pierre – La rinascita delle piccole comunità

Valtellina nel futuro – La montagna e la Regione Lombardia

Interventi dei partecipanti